INFILTRAZIONI

METODI DI

SOMMINISTRAZIONE

Durante la visita verranno fatte numerose domande per stabilire l’epoca di insorgenza del dolore articolare (sintomo più comune delle malattie di interesse reumatologico), le sue caratteristiche, la risposta ad eventuali terapie già tentate.

Non verranno, inoltre, tralasciate le abitudini alimentari, lo stile di vita, la menopausa, la presenza di altri sintomi, quali febbre, dimagramento, difficoltà a respirare. L’obiettivo della visita è giungere ad una diagnosi per impostare un trattamento specifico. Il trattamento si avvale di trattamenti fisici come anche farmacologici e dipendono, ovviamente, dalla diagnosi.

Verrà stilata una relazione scritta, da consegnare al medico curante, nella quale viene indicata la conclusione diagnostica (se già raggiunta) e le relative terapie consigliate o, alla luce di ipotesi diagnostiche, vengono richiesti ulteriori approfondimenti con esami clinici o strumentali.

Si potranno anche iniettare delle sostanze medicamentose nelle articolazioni, quali il cortisone o preparati di acido jaluronico (infiltrazioni intraarticolari).

FARMACI UTILIZZATI

OSSIGENO OZONO

ACIDO IALURONICO

CORTISONICI

CAMPI DI APPLICAZIONE

- Artrosi e patologie meccaniche degenerative tendinee e dei legamenti
- Osteoporosi (comprese le fratture ossee)
- Artrite reumatoide, artrite psoriasica e spondiloartriti
- Polimialgia
- Fibromialgia
- Lupus eritematoso sistemico, sclerodermia, polimiosite e dermatomiosite, sindrome di Sjögren e altre malattie del tessuto connettivo.

SPECIALISTI

Dott. Anselmo Pallone

Specialista in Ortopedia

Dott. Giovanni Adami

Specialista in Reumatologia

Dott. Leone Pangallo

Specialista in Chirurgia della Mano